Dimenticata la password?

Esci
Landscape icon

Per cortesia tieni diritto il telefono

Erik Lorincz

Regole del bar di Erik Lorincz

Insegui i tuoi sogni e fai in modo che si realizzino; due parole dico sempre ai miei assistenti: ‘Un giorno’.

La costante ricerca dell’eccellenza è il mio biglietto da visita.

Sii un leader. Ascolta i membri del tuo team; dai loro fiducia e riconosci le qualità di ciascuno.

Sii orgoglioso di essere un barman, ma sii umile nel lavoro.

Il lavoro del barman è duro e richiede molta energia.

Sulla strada del successo ho dovuto sacrificare il tempo da dedicare alla mia famiglia…

Per me l’abito è una sorta di messaggio: dice che noi barman dovremmo essere rispettati in quanto professionisti.

C’è una sorta di tacito accordo tra il cliente, che deve essere paziente nell’attendere il suo cocktail e il barman, che deve essere veloce.

Un bar è uno scenario reale, senza un copione già scritto. Il lunedì non è uguale al venerdì, un giorno è movimentato, l’altro tranquillo.

Copiare è una questione che riguarda l’etica professionale. Chi non ce l’ha, troverà sempre modo di farlo.

Guardo sempre cos’altro posso fare dietro al bancone, anziché pensare a quello che mi attende una volta posato lo shaker.

Per insegnare bisogna essere pazienti e capire cosa la gente voglia davvero apprendere da voi.

Sono colpito dall’energia e dalla costanza di Gary Regan, Peter Dorelli, Jared Brown, Salvatore Calabrese, Dale De Groff e molti altri, che mi hanno ispirato un tempo e che ancora continuano a farlo.

Il modo migliore per fare pubblicità a un bar o a una bevanda alcolica oggi è proporre il bere come stile di vita. Ciò è perfettamente rappresentato nei film di James Bond.

Per tutta la vita ho sognato come sarebbe stato guardare la Terra dalla Luna.

Prova il cocktail Altri Quattro Anni di Erik Lorincz

Prova il cocktail Altri Quattro Anni di Erik Lorincz

Hai disabilitato javascript nel tuo browser. Il nostro sito web non funziona bene senza di lui.Per cortesia, abilitalo.